Top&Flop: 1a e 2a giornata

FacebookTwitterGoogle+TumblrEmailPrintCondividi

Uno degli ultimi giorni di mare vissuto di fretta, sotto il sole, tra un bagno e l’altro, pensando già al pre-partita per il ritorno del Grifo al Ferraris contro la Juve. E, ci teniamo a ribadirlo, giocare alle 18 in un caldo sabato d’agosto è illegale. Il classico gelato ti tira su ed è obbligatorio, ed è per questo che inauguriamo la nuova rubrica 2017-2018 delle pagelle tematiche (e ignorantissime) proprio con i gelati. Qua sul blog, prossimamente anche sui teleschermi.

Ecco quelle riferiti alle prime due giornate.

Top:

Perin – Maxibon: un classicone. Finalmente non lo si vede più solo su Instagram e torna a volare da un palo all’altro. Tanto ha rotto le scatole a Juric che è pure riuscito a farsi fare capitano. Un grande. Speriamo che il suo carisma possa essere fondamentale nello spogliatoio. Clonatelo e datecene un altro. Perchè si sa che two is megl che uan!

Galabinov – Cinque Stelle al Croccantino: abbiamo passato l’estate a sentire la stupida pubblicità Sammontana che finisce esclamando “Tienimi tra i fagiani”. Chi mai mangerebbe un gelato con uno slogan così? E, di pari passo, la stagione calda è volata via con la certezza che avremmo venduto Simeone, e per sostituirlo, il primo attaccante centrale che arriva è uno stangone di 28 anni che ha passato la vita in B a sgomitare e farsi letteralmente i muscoli nelle migliori palestre di provincia. “Questo non fa gol nemmeno se la palla gli picchia addosso“. E subito la smentita: alla prima al Ferraris segna, lotta ed esce tra gli applausi. Rugani sta ancora piangendo per essere stato bullizzato per almeno metà partita. E se Lapadula può essere il Cornetto Algida, per il momento ci godiamo il sostituto Sammontana. Alla faccia del marketing non proprio perfetto e dei fagiani.

Flop:

Bertolacci – Winner Taco: finta, tunnel dal limite e gol da fenomeno. Come dite? Quello era Atalanta-Genoa del maggio 2015? Ah, scusate per noi Bertolacci è rimasto lì… Proprio come il celebre gelato, prima tanto rimpianto, ma adesso finalmente è tornato. Eppure tutti se lo ricordavano meglio.

Gentiletti – Ghiacciolo all’orzata: ovvero, quello che non mangia mai nessuno, che rimane in freezer fino all’estate successiva, senza personalità. Che ti tocca prenderlo e mangiarlo, perchè non c’è altro, e ti fa solo chiedere “Ma perchè lo sto mangiando?“. E se sono in tanti a pregare nella piena ripresa di Zukanovic al più presto… non aggiungiamo altro.

email
Precedente GENOA 2017-2018: La rosa e come può giocare. Successivo Top&Flop: 3a giornata