#JuveGenoa le pagelle che non vorremmo fare

FacebookTwitterGoogle+TumblrEmailPrintCondividi

Francamente, risulta difficile anche solo provare a dare dei voti ai poveri 14 Grifoni che ieri sera sono scesi in campo allo Juventus Stadium, ma che dire, ci proviamo lo stesso, cercando di sdrammatizzare, tanto la sconfitta del Genoa era prevedibile quasi quanto la vittoria del Crotone al Ferraris. Via con le pagelle disperatissime:

Lamanna voto 4: come le volte che si gira per raccogliere la palla in rete. Uscire sui cross è un optional, sui tiri di Dybala e Mandzukic può fare poco, sul gol di Bonucci, bhe, ancora non ci spieghiamo che traiettoria abbia preso la palla. Infonde molta sicurezza sì, ma nei giocatori avversari, tanto che ad un certo punto pure Barzagli prova a segnare tirando da 30 metri.

Munoz voto 5: di giustezza da il via alla goleada, ma segnando nella porta sbagliata, con un filo di sfiga certo, perchè Marchisio sbaglia lo stop e la palla picchia sul ginocchio del povero Ezequiel. L’unica cosa degna di nota della sua gara, ahinoi.

Burdisso voto 4: nervoso, ammonito, lascia il posto a Biraschi, che almeno ci mette buona volontà.

Gentiletti voto ehm… Gentiletti chi? Ma perchè, giocava?

Lazovic voto 4.5: dovrebbe crossare (o almeno provarci?) ma dopotutto, avrà pensato Darko, cosa crosso a fare che tanto in area non c’è nessuno che abbia la maglia rossoblù. E quindi non fa nemmeno quello. (Hiljemark entra al 42, ma  non se ne accorge nessuno, perchè contemporaneamente Allegri fa il suo terzo cambio e mette dentro il terzo ex Rossoblu della serata, che suona tanto come una presa per il culo).

Cataldi voto 4.5: interessante la scelta di metterlo quasi a uomo su Dybala. La Joya bianconera non è nemmeno in serata di grazia, segna solo un gol, ma l’odiato (dai tifosi laziali) Danilo se lo perde quanto basta per permettergli di darci il colpo di grazia.

Veloso voto 5: almeno corre.

Ntcham voto 4.5:

(no non è che ci siamo scordati il commento eh, è proprio che non sappiamo più cosa dire).

Laxalt voto 5: nel primo tempo gioca praticamente terzino, con Palladino che sta larghissimo a sinistra, nel 4-5-1 pensato da Juric per non prenderle. Le volte in cui riesce a superare la metà campo palla al piede si contano sulle dita di una mano. (Beghetto ingiudicabile, aspettiamo di vederlo in una gara normale).

Palladino voto 4.5: l’unica cosa buona è una bella verticalizzazione per Simeone, poi il nulla cosmico.

Simeone voto 4.5: ci prova due volte di sinistro, al primo tentativo la palla esce più vicino alla bandierina che al palo, al secondo, la sfera sparisce dall’inquadratura. Ma poco male. In due partite contro la Juve, ha comunque segnato più gol di Messi, e tanti gol quanti ne hanno subiti i bianconeri in 10 gare di Champions.

Juric voto 5: forse – FORSE EH – non l’aveva preparata nemmeno malissimo, ma oggettivamente era impossibile sperare di fare punti contro la Juve. Ci uniamo anche noi al mantra “non era questa la partita in cui fare punti“, e dunque adesso testa al Chievo.

email
Precedente #GenoaLazio: le VIDEOpagelle Successivo #GenoaChievo: le pagelle